×

Attenzione

Questo sito utilizza cookies tecnici e sono inviati cookies di terze parti per gestire i login, la navigazione e altre funzioni. Cliccando 'Accetto' permetti l'uso dei cookie, cliccando 'Rifiuto' nessun cookies verrà installato, ma le funzionalità del sito saranno ridotte. Nell'informativa estesa puoi trovare ulteriori informazioni riguardo l'uso dei cookies di terze parti e la loro disabilitazione. Continuando nella navigazione accetti l'uso dei cookies.

Visualizza la normativa europea sulla Privacy.

Hai rifiutato i cookies. Questa decisione è reversibile.

L'ultima parola

MEDITAZIONE  MATTUTINA  NELLA  CAPPELLA  DELLA  DOMUS  SANCTAE  MARTHAE

 

L'ultima parola

 

Martedì, 9 giugno 2015

 

La liturgia di oggi ci parla dell’identità cristiana. Qual è questa identità cristiana? Paolo comincia raccontando ai Corinzi le cose che hanno vissuto, alcune persecuzioni e la testimonianza che hanno dato di Gesù Cristo. E, in pratica, scrive loro: “Io mi vanto di questo, cioè io mi vanto della mia identità cristiana, che è andata così. E Dio è testimone che la nostra parola verso di voi è sì, cioè noi vi parliamo dell’identità nostra, quale sia”.

Per arrivare a questa identità cristiana, nostro Padre, Dio, ci ha fatto fare un lungo cammino di storia, secoli e secoli, con figure allegoriche, con promesse, alleanze e così fino al momento della pienezza dei tempi, quando inviò suo Figlio nato da una donna. Si tratta, dunque, di un lungo cammino. Ed anche noi dobbiamo fare nella nostra vita un lungo cammino, perché questa identità cristiana sia forte e dia testimonianza. Un cammino che possiamo definire dalla ambiguità alla vera identità.

Dunque, nella lettera ai Corinzi l’apostolo scrive che la nostra parola verso di voi non è sì e no, ambigua. Infatti, aggiunge Paolo, “Il Figlio di Dio, Gesù Cristo, che abbiamo annunciato tra voi, non fu “sì” e “no”: in Lui vi fu il “sì”. Ecco, allora, che la nostra identità è proprio nell’imitare, nel seguire questo Cristo Gesù, che è il “sì” di Dio verso di noi. E questa è la nostra vita: andare tutti i giorni per rinforzare questa identità e darne testimonianza, passo passo, ma sempre verso il “sì”, non con ambiguità.

E’ vero, c’è il peccato ed il peccato ci fa cadere, ma noi abbiamo la forza del Signore per alzarci ed andare avanti con la nostra identità. Ma io direi anche che il peccato è parte della nostra identità: siamo peccatori, ma peccatori con la fede in Gesù Cristo. Infatti non è soltanto una fede di conoscenza, ma è una fede che è un dono di Dio e che è entrata in noi da Dio. E’ Dio stesso che ci conferma in Cristo. E ci ha conferito l’unzione, ci ha impresso il sigillo, ci ha dato la caparra, il pegno dello Spirito nei nostri cuori. Sì, è Dio che ci dà questo dono dell’identità ed il problema è essere fedele a quest’identità cristiana e lasciare che lo Spirito Santo, che è proprio la garanzia, il pegno nel nostro cuore, ci porti avanti nella vita.

Siamo persone che non andiamo dietro ad una filosofia perché abbiamo un dono, che è la nostra identità: siamo unti, abbiamo impresso in noi il sigillo ed abbiamo dentro di noi la garanzia, la garanzia dello Spirito. Ed il Cielo incomincia qui, è un’identità bella che si fa vedere nella testimonianza. Per questo, Gesù ci parla della testimonianza come il linguaggio della nostra identità cristiana quando dice: “Voi siete il sale della terra, ma se il sale perde il sapore, con che cosa si renderà salato?” (Mt 5, 13-16).

Certo l’identità cristiana, perché siamo peccatori, è anche tentata, viene tentata e le tentazioni vengono sempre, e può andare indietro, può indebolirsi e può perdersi. Ma come può avvenire questo? Io penso che si può andare indietro per due strade principalmente.

La prima, quella del passare dalla testimonianza alle idee e cioè annacquare la testimonianza. Come a dire: Eh sì, sono cristiano, il cristianesimo è questo, una bella idea, io prego Dio. Ma così dal Cristo concreto, perché l’identità cristiana è concreta, lo leggiamo nelle beatitudini (questa concretezza è anche nel capitolo 25 di Matteo), passiamo a questa religione un po’ soft, sull’aria e sulla strada degli gnostici. Dietro, invece, c’è lo scandalo: questa identità cristiana è scandalosa. Di conseguenza la tentazione è dire “no, no”, senza scandalo; la croce è uno scandalo; che Dio si sia fatto uomo è un altro scandalo e si lascia da parte; cerchiamo cioè Dio con queste spiritualità cristiane un po’ eteree, ariose. Tanto che ci sono degli gnostici moderni e ti propongono questo, questo: no, l’ultima parola di Dio è Gesù Cristo, non ce n’è un’altra!

Su questa strada ci sono anche quelli che sempre hanno bisogno di novità dell’identità cristiana: hanno dimenticato che sono stati scelti, unti, che hanno la garanzia dello Spirito, e cercano: Ma dove sono i veggenti che ci dicono oggi la lettera che la Madonna ci manderà alle 4 del pomeriggio? Per esempio, no? E vivono di questo. Ma, questa non è identità cristiana, l’ultima parola di Dio si chiama “Gesù” e niente di più.

Un’altra strada per andare indietro dall’identità cristiana è la mondanità E cioè allargare tanto la coscienza che lì c’entra tutto: Sì, noi siamo cristiani, ma questo sì…, non solo moralmente, ma anche umanamente. Perché la mondanità è umana e così il sale perde il sapore. Ecco perché vediamo comunità cristiane, anche cristiani, che si dicono cristiani, ma non possono e non sanno dare testimonianza di Gesù Cristo. E così l’identità va indietro, indietro e si perde ed è questo nominalismo mondano che noi vediamo tutti i giorni.

Nella storia di salvezza Dio, con la sua pazienza di Padre, ci ha portato dall’ambiguità alla certezza, alla concretezza dell’incarnazione e la morte redentrice del suo Figlio: questa è la nostra identità. E Paolo si vanta di questo: Gesù Cristo, fatto uomo; Dio, il Figlio di Dio, fatto uomo e morto per obbedienza. Sì Paolo si vanta di questo e questa è l’identità ed è lì la testimonianza. E’ una grazia che dobbiamo chiedere al Signore: sempre ci dia questo regalo, questo dono di un’identità che non cerca di adattarsi alle cose che le farebbero perdere il sapore del sale.

Anche la celebrazione eucaristica è uno “scandalo”. Anzi, io mi permetto di dire “un doppio scandalo”. Primo, perché è lo “scandalo” della croce: Gesù che dà la sua vita per noi, il Figlio di Dio. E poi lo “scandalo” che noi cristiani celebriamo la memoria della morte del Signore e sappiamo che qui si rinnova questa memoria. Così proprio la celebrazione eucaristica è una testimonianza della nostra identità cristiana.