×

Attenzione

Questo sito utilizza cookies tecnici e sono inviati cookies di terze parti per gestire i login, la navigazione e altre funzioni. Cliccando 'Accetto' permetti l'uso dei cookie, cliccando 'Rifiuto' nessun cookies verrà installato, ma le funzionalità del sito saranno ridotte. Nell'informativa estesa puoi trovare ulteriori informazioni riguardo l'uso dei cookies di terze parti e la loro disabilitazione. Continuando nella navigazione accetti l'uso dei cookies.

Visualizza la normativa europea sulla Privacy.

Hai rifiutato i cookies. Questa decisione è reversibile.

Annuario 2015-2016 - III AMBITO carità

 

III  AMBITO

carità

 

CASA BETANIA

 

         Dal 2 aprile del 2000 in casa canonica si porta avanti un progetto di accoglienza chiamato Casa Betania. In questi tredici anni più di quaranta persone hanno abitato in questa casa per periodi più o meno lunghi.

Notizie più dettagliate circa questa forma di vita comunitaria si possono trovare in un opuscolo apposito reperibile al fondo della chiesa intitolato “Accolti per accogliere”.

 

 

GRUPPO MISSIONARIO - CARITATIVO

 

Questo gruppo (nato il 10 gennaio 2001) cerca di mantenere viva una mentalità di accoglienza e si occupa della sensibilizzazione dell’intera comunità nei confronti dei poveri (nel nostro paesino, in Italia e all’estero, in particolare in terra di missione) con varie iniziative e con la sponsorizzazione di alcuni progetti proposti dall’Ufficio Missionario Diocesano; gestisce a questo scopo il dieci per cento delle entrate, che la comunità ha deciso di devolvere costantemente ai poveri.

Il gruppo ha curato il “gemellaggio” con le suore Piccole Sorelle dei Poveri in corso Francia (a Torino) che gestiscono una casa di riposo per anziani senza pensione o con la stessa insufficiente.

Il gruppo, formato da Adele Pillitteri, Carla Giacoletti, Elisabetta Savi, Luigino Saggese, Mariuccia Renaldo e Pippo Molinaro, si riunisce varie volte all’anno per motivi organizzativi e di formazione e collabora con la locale conferenza di san Vincenzo (intitolata al beato padre Lataste) nell’aiutare le persone in difficoltà nel nostro territorio.

 

 

GRUPPO DI VOLONTARIATO ALL’R.S.A.

 

         La nomina avvenuta nel marzo 2006 di don Dario Bernardo M. ad assistente religioso (“cappellano” si diceva una volta) all’R.S.A. di San Maurizio è stata per la comunità tutta un’occasione per concretizzare la tanta formazione ricevuta in questi anni. Da subito un gruppo di volontari ha preso servizio presso gli ospiti di quella casa.

         Essi sono: Annarita Barra, Bruna Casarin (coordinatrice del gruppo), diacono Davide Consonni, Giovanna Poloniato, Luigino Saggese, Maria Amico, Maria Lucia Santi e Piera (Pierina) Gaido.

         Il gruppo è rappresentato in consiglio pastorale dal responsabile del gruppo missionario - caritativo.

Marco è il punto di riferimento all’interno della struttura dell’R.S.A.

 

 

ASSOCIAZIONE SAN VINCENZO DE’ PAOLI

Conferenza “Beato padre Lataste”

 

         Il beato Federico Ozanam (1813 - 1853), laico, sposato e padre di una bimba, docente universitario, fondò con alcuni compagni di studi la “Società di San Vincenzo de’ Paoli”. Prima finalità dell’associazione consiste nell’approfondire un cammino di fede, la seconda nel crescere nell’amicizia e la terza nell’accompagnare, come amici, i fratelli in difficoltà (economica o no).

         Nella nostra comunità il 9 settembre 2012, festa liturgica del beato Federico Ozanam, è nata la conferenza “Beato padre Lataste” (beatificato il 2 giugno 2013).

         L’associazione ha persona giuridica presso la sede diocesana di corso Matteotti ed è diffusa a livello nazionale, europeo ed internazionale.

          La San Vincenzo è diffusa in centoquaranta Paesi, conta circa un milione di “confratelli”, ha un seggio come osservatore all’O. N. U. ed è stata proposta varie volte per il premio Nobel per la pace.

 

          Fanno parte della conferenza le “consorelle” (gli “amici” sono i poveri accompagnati): Adele Pillitteri, Alberta Bottini (presidente), Carla Giacoletti, Giuditta Marchetti, Elisabetta Savi, Maurizia Calorio e Pina Marchetti.

 

Silvana Gianoglio segue come tutor la conferenza.

 

L’associazione è laica e don Dario Bernardo M. ne è l’assistente spirituale.